,

Multe transfrontaliere Italia-Francia

multa

I conducenti di veicoli italiani e francesi d’ora in poi riceveranno le multe comminate per infrazioni al codice della strada commesse in Francia ed in Italia grazie al nuovo accordo di scambio di informazioni. In Francia nel 2015 quasi 414 mila infrazioni per eccesso di velocità sono state attribuite dai radar automatici a dei veicoli immatricolati in Italia (Leggi l’articolo del quotidiano “Le Figaro”)

L’avviso di pagamento è una specie di lettera di cortesia che la polizia invia per posta ordinaria per informarvi della violazione. Dopo un periodo di 60 giorni dal ricevimento della comunicazione, e se il pagamento non è stato effettuato, la polizia invia automaticamente una notifica ufficiale da parte di lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Al ricevimento della comunicazione si deve pagare o contestare la multa entro 60 giorni e non di più. Dopo questo periodo, la polizia procederà alla maggiore quantità indicata nella lettera di notifica.
Premesso che quando la multa è comminata nei confronti di un conducente residente all’estero i tempi concessi per la notifica sono di un anno, il consiglio è di pagare la contravvenzione, in quanto le conseguenze che possono derivare dal mancato pagamento possono essere estremamente spiacevoli, sia in termini economici che di sanzioni accessorie che ne potrebbero derivare. Oltre al sensibile aumento dei costi della multa, potrebbe correre il rischio del fermo del veicolo e il ritiro della patente qualora dovesse essere fermato per un controllo in Francia.

Per saperne di più, vedi anche
Multa all’estero: le regole europee
Guidare all’estero: norme e consigli